venerdì 17 settembre 2021

Pensierino della Settimana

 "Se un uomo parte con delle certezze finirà con dei dubbi,
ma se si accontenta di iniziare con qualche dubbio
arriverà alla fine con qualche certezza"


Sir Francis Bacon, in seguito divenuto Francesco Bacone
(Londra, UK 1561 - Londra, UK 1626)

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Eccomi di nuovo qui. Le vacanze ormai sono lontane e sono state belle, interessanti e dedicate in gran parte alla scoperta di piccoli borghi antichi fra Liguria e Toscana. E così ho pensato di proporvi un itinerario dedicato ad alcuni di questi borghi che ho visitato con foto e descrizioni varie. Non mancherà lo spazio dedicato alla musica, come sempre.

Negli anni scorsi andavamo spesso in vacanza nel Golfo del Tigullio, quest'anno abbiamo cambiato destinazione. Due amici ci hanno lasciato la loro casa nei pressi di Sarzana, al confine fra Liguria e Toscana, e in cambio gli abbiamo curato il giardino, le piante, il prato e altri lavori campagnoli. Nel mentre ci siamo dedicati a fare vari giri in zona, in LunigianaGarfagnana e le Alpi Apuane.

Prima Tappa: Montemarcello.

In Liguria (come in tutte le regioni italiana) ci sono zone una più bella dell'altra da levante a ponente. Tuttavia, un anno dopo l'altro, quando vengo a Montemarcello non me ne andrei mai più via da qui. Il borgo medioevale, a tipica forma circolare, si trova in alto sulla costa al confine con la Toscana ed ha una serie di vantaggi. Infatti mentre sulla costa a Lerici, Tellaro e San Terenzo devi divincolarti dalla calca umana (coda per parcheggiare, per il ristorante, per un caffè o un gelato) a inizio luglio arriviamo lassù a Montemarcello e siamo in quindici persone presenti in tutto il paesino, in gran parte turisti italiani.

Ci sono alcuni punti di Montemarcello completamente esposti al mare. Da un lato si vede il Golfo di La Spezia, Porto Venere e l'Isola Palmaria (il Golfo dei Poeti) dove nei primi trent'anni dell'800 hanno vissuto Lord G. Byron, John Keats, Percy e Mary Shelley (qui lei scrisse una parte del suo "Frankenstein") e le ville dove hanno abitato sono visitabili ancora oggi.

Dall'altra parte si vede un altro spettacolo, e cioè l'inizio della costa toscana della Versilia con le spiagge di sabbia che si alternano alla scogliera e nei giorni successivi siamo andati a fare un giro anche da quelle parti.

Ecco una foto che avevo scattato negli anni scorsi dall'Isola Palmaria con Porto Venere, la Chiesa di San Pietro (sopra la grotta dove Lord Byron amava ritirarsi a scrivere) il litorale delle Cinque Terre e in fondo il promontorio di Monterosso


E due foto scattate a luglio da Montemarcello 
con delle visuali verso il Golfo dei Poeti




Andiamo a mangiare in un ristorantino (ce ne sono tre o quattro in paese) gestito da due ragazzi che sono fratello e sorella. Il gestore mi dice che i ristoratori (come in altre parti della Liguria) hanno siglato un accordo con i pescatori del golfo 
per avere solo pesce proveniente da pesca sostenibile. 
Quindi solo pesce del posto pescato quando si può. 

Ad esempio le acciughe da fine aprile e in estate si trovano con facilità mentre in altri periodi dell'anno (come in inverno) sono in riproduzione e si allontanano dalla costa. Infatti le acciughe in inverno provengono dal sud della Spagna, dal Marocco o dal Mar Cantabrico. Ecco un calendario per sapere il pesce fresco sostenibile mese per mese.

Il menu è a base di pesce e abbiamo mangiato polipo, patate, olive, una tartare di tonno con crema di burrata, insalata verde e pomodori. Di solito non amo accoppiamenti pesce - formaggio ma in questo caso ci stava benissimo, il tutto accompagnato da un dolce al gelato e frutti di bosco, vino bianco di Luni e due caffè. Totale: 17 euro a testa (che si vuole di più?).

Dal 10 di luglio sino a fine agosto (credetemi, non esagero) c'è stata l'invasione. Da Levanto a Lerici è arrivato il turismo di massa. Tanti italiani ma anche tanti stranieri. Girando abbiamo visto un gran numero di auto provenienti da Olanda, Francia, Germania, Svizzera e Austria e così siamo passati a scoprire l'entroterra.

In una intervista al TG3 regionale il Presidente del Parco delle Cinque Terre lanciava un messaggio preoccupante. Ogni anno, nel solo periodo di giugno luglio e agosto, l'Ente Parco deve smaltire più di 6 milioni di bottiglie di plastica (no, dico, 6 milioni di bottiglie di plastica sono una marea di plastica) e l'Ente si organizza a dovere nonostante i tagli governativi di questi anni. In ogni caso le Cinque Terre sono paesini con poche centinaia di abitanti (normalmente). Non si può pretendere lo stesso livello organizzativo di una metropoli. L'Ente Parco propone che ogni turista vada in quelle zone con la borraccia e lo stesso Ente potrebbe installare delle fontanelle per l'acqua. In tutti i casi si dovrà trovare una soluzione efficace per migliorare la situazione.

Il prossimo post è dedicato alla zona della Lunigiana

Per la musica vi propongo "Creuza de Ma" 
capolavoro di Fabrizio De André  del 1984


 Come sempre grazie a tutti per le visite
e Buona Settimana

16 commenti:

  1. Non essere mai del tutto sicuri e mettersi in discussione è giusto, come lo è mantenere dei punti fermi, insomma una regola certa non c'è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rockpoeta, bentornato
      è vero e non so quante volte mi sono trovato nella situazione descritta dall'aforisma. Penso che ciò che vivi crea qualcosa nel tempo crei, qualcosa che lascia una traccia per il futuro. Vogliamo chiamarla esperienza? Vissuto? Tuttavia in questo modo riesci a cogliere i cambiamenti, quelli si che contano.

      Un salutone e grazie per la visita

      Elimina
  2. Bellissimi posticini, non c'è che dire.
    Una vacanza davvero ricca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto Bertow Marabello, benvenuto
      Sono posti in cui ritrovo ogni volta lo stesso ambiente, le stesse energie e più o meno le stesse persone. E poi basta sedersi da qualche parte, guardare il mare e ti senti bene come se avessi fatto la cosa più bella del mondo.

      E' stat proprio una bella vacanza.
      Grazie per la visita e un salutone

      Elimina
  3. Io non smetto mai di dubitare e di mettermi in discussione. Alla fine,forse, troverò delle risposte. In quanto alle certezze preferisco non averle. Le zone delle tue vacanze sono molto belle. Conosco qualcosa della Liguria e mi riprometto spesso che dovrei dedicarle più tempo. Buon rientro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella, bentornata
      capisco ciò che hai scritto e come lo vivi. Per quanto mi riguarda, come dicevo sopra, mi sono ritrovato parecchie volte nella situazione citata. Ne sono uscito a volte ridimensionando le questioni, grazie ai dubbi che arrivavano, altre volte andando a testare gli intenti.

      Diciamo che ho qualche certezza (come diceva Bacone) in mezzo a tante cose da vedere e rivedere.

      Come dicevo nel post la Liguria ha tante zone belle da ponente a levante. E' un miscuglio fra le Alpi Marittime, le Apuane, la campagna e la costa il tutto nel giro di pochi chilometri.

      Grazie per la visita e alla prossima

      Elimina
  4. D'accordo con Bacone, qualche certezza perché la certezza assoluta ce l'hanno solo gli ignoranti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto, bentornato
      concordo perché ormai viviamo in un mondo dove spesso regna l'incertezza e i pochi punti fermi che abbiamo sono quelli su cui ci aggrappiamo o li consideriamo tali.

      Grazie per la visita e alla prossima

      Elimina
  5. Che splendida vacanza! E' davvero tanto bella la nostra Italia, eh!

    Non sono mica tanto convinta della riflessione ddel Signor Bacon, sai! Io di solito parto convinta di quello che faccio, penso di essere nel giusto, e se poi non va bene, pazienza, ci riproverò in altro modo, la prossima volta andrà meglio, ma non mi va di iniziare qualcosa con dei dubbi, trovo che sia un modo di perdere in partenza.
    Bentornato caro Accade ^.^
    Attendo il seguito della tua bella vacanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nair, bentornata
      l'Italia ha tanti posti belli, incantevoli e indimenticabili nonostante gli scempi e la cementificazione.

      Sai com'è, ognuno fa quel che può e si composta di conseguenza. Ho sempre pensato che "la verità" è qualcosa che cambia di volta in volta in base alle nostre esperienze, a cosa abbiamo fatto, e all'impronta che le esperienze lasciano in noi stessi.

      L'importante è saper cogliere cambiamenti e mutamenti quando arrivano...beh, ho scritto così di getto.

      Grazie per le tue parole e per la visita
      Un salutone

      Elimina
  6. Bentornato! È un piacere leggerti e ascoltate le tue proposte musicali.
    Un proverbio veneto recita: "il mona sa tutto". Devo tradurre mona?
    Mai come in questo periodo storico è importante coltivare la sana abitudine al dubbio. Schiere di conformisti si adeguano senza pensare.
    L'abbraccio tra Liguria e Toscana è uno dei posti più affascinanti che ho visitato e mi rallegro della tua descrizione. Le zone di "confine" sono cariche delle ricchezze paesaggistiche e culturali delle terre confinanti e... per la loro natura interculturale, invitano a coltivare il dubbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Berica, bentornata
      Eh! Eh! Eh!...il mona sa tutto mi mancava! E devo dire che è tutto un programma. Il conformismo non lo sopporto. La capacità importante, oltre a risolvere dubbi, come dicevo sopra ciò che conta è anche saper cogliere il cambiamento quando arriva e i dubbi forse sono dei segnali.

      Concordo con la definizione che hai scritto sulle zone di confine e le bellezze che si trovano da quelle parti sono importanti e restano nella memoria.

      Grazie per le tue parole e per la visita
      Un salutone

      Elimina
  7. Direi vacanze di tutto rispetto. È molto carina l'usanza di lasciare la propria casa ad amici. Mi piacerebbe vivere questa esperienza. Le Cinque Terre, poi... Ebbi il piacere di lasciarmene incantare una quindicina di anni fa, quando le scoprii accompagnando la mia classe in uno di quei viaggi di istruzione che si facevano un tempo, quando tutto era pià facile e gestire i ragazzi non era arduo come adesso. Fu meraviglioso, anche perché avevamo un collega di Ed. fisica che praticamente aveva organizzato tutto, con una tabella di marcia stancante ma emozionante al tempo stesso. Ci tornai anche in occasione di un viaggio di istruzione in Costa azzurra, ma di passaggio, e poi con la famiglia, perché intendevo mostrare quelle bellezze davvero imperdibili. Bella Italia, martoriata anche da quel turismo di massa che racconti. Mi piacerebbe vedere San Fruttuoso da quelle parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luz, bentornata
      i due amici erano partiti per vacanze e per lavoro per due mesi e mezzo e non avendo parenti disponibili ad accudire la casa ci hanno chiesto se potevamo farlo noi, unendo così l'utile al dilettevole. In un angolo del prato gli abbiamo anche fatto un giardino zen.

      Le cinque terre sono un posto meraviglioso ma come dicevo nel post ci sono molti problemi, Ma ci sono problemi naturali e ci sono problemi collegati al turismo di massa che vanno regolamentati per la sopravvivenza del posto stesso. Devo dire che l'Ente Parco 5 terre ha fatto molto ma non basta. Bisogna anche "educare" il turista a rispettare le zone che visita in vacanza.

      Ti consiglio di visitare la Liguria, se puoi, in autunno perché in molti casi c'è ancora un bel sole tiepido e c'è poca gente non certo come in luglio e agosto incluso San Fruttuoso. Ci sono stato in estate una sola volta...è come essere in una metropoli all'ora di punta!

      Ci sono traghetti che partono da Genova dall'acquario e che vanno in varie direzioni nel levante.
      Grazie per il commento e per la visita
      Un salutone

      Elimina
  8. Grazie per il tuo bel racconto di viaggio. Non conosco se non per via letteraria le zone che hai citato. La Garfagnana mi fa pensare ad Ariosto inviato lì, lui nolente, dagli Este e la Lunigiana mi rimanda a Dante e al suo esilio. Di tutti i luoghi da te visitati mi piacerebbe avere come meta di viaggio Montemarcello. Il parco è davvero spettacolare, o, così pare dalle immagini che hai proposto.
    Bentornato! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacinta, bentornata
      nel prossimo post parlerò (seppur in breve) appunto dei visitatori storici per Garfagnana e Lunigiana.

      Penso che almeno una volta devi visitare Montemarcello e il Golfo dei Poeti perché è una meraviglia. In questa stagione sino a fine ottobre c'è poca gente e si gira meglio per vedere e visitare i vari luoghi, idem il parco delle 5 terre.

      Grazie per il commento e la visita
      Un salutone

      Elimina